Lothar Matthäus

Published by admin on

Lothar Herbert Matthäus (Erlangen, 21 marzo 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco, di ruolo centrocampista o difensore. Con la nazionale tedesca si è laureato campione europeo nel 1980 e campione mondiale – da capitano – nel 1990.

Considerato uno dei migliori giocatori della propria generazione, dopo cinque stagioni nel Borussia M’gladbach è passato al Bayern Monaco, con cui in quattro anni ha vinto tre campionati tedeschi, una Coppa e una Supercoppa di Germania. Nel 1988 si è trasferito all’Inter, affermandosi definitivamente a livello internazionale e conquistando un campionato italiano, una Supercoppa nazionale e una Coppa UEFA. Conclusa dopo quattro stagioni l’esperienza in Italia, ha fatto ritorno al Bayern Monaco, vincendo altri quattro campionati, due Coppe di Germania, tre Coppe di Lega tedesca e una Coppa UEFA, perdendo una finale di UEFA Champions League nel 1998-1999. Ha terminato la carriera nei N.Y. MetroStars l’anno seguente.

In nazionale ha disputato 150 partite (record per il calcio tedesco), segnando 23 reti. Detiene il record di partecipazioni ai Mondiali (cinque, dal 1982 al 1998), a pari merito con Gianluigi Buffon, Antonio Carbajal e Rafael Márquez, ed è il giocatore con più presenze nelle fasi finali della rassegna iridata (25). Ha inoltre partecipato a quattro campionati europei (1980, 1984, 1988 e 2000) e una FIFA Confederations Cup (1999).

A livello individuale, ha vinto il Pallone d’oro nel 1990 – diventando il primo giocatore dell’Inter a ottenere tale riconoscimento – ed è stato eletto calciatore dell’anno FIFA nel 1991. Nel 2004 è stato inserito nel FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi redatta da Pelé e dalla FIFA in occasione del centenario della sua fondazione. Oltre a ciò, è stato premiato come calciatore tedesco dell’anno nel 1990 e nel 1999.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *