Dejan Savićević

Published by admin on

Dejan Savićević (Titograd, 15 settembre 1966) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore montenegrino, di ruolo centrocampista o attaccante, presidente della
federazione calcistica del Montenegro.

Ritenuto da molti il miglior giocatore montenegrino di sempre, rappresentò la Jugoslavia a livello internazionale e, dopo il ritiro dall’attività agonistica, fu allenatore della stessa selezione.
Approda al Milan di Fabio Capello per 10 miliardi di lire. Nella squadra rossonera milita per sei stagioni, dal 1992 al 1998, vincendo tre scudetti, tre Supercoppe italiane, una Supercoppa UEFA e una Champions League. Il suo esordio in Serie A è datato 13 settembre 1992. Nella prima stagione segna una doppietta decisiva per la vittoria casalinga messa a segno contro la Fiorentina.

Nella stagione successiva, durante la finale di Champions League disputata ad Atene, in cui il Milan batte per 4-0 il Barcellona, Savićević segna il gol del 3-0 al 47′ con un pallonetto di sinistro
e fornisce inoltre anche l’assist a Daniele Massaro per il gol dell’1-0.

Segna il suo ultimo gol in maglia rossonera l’8 gennaio 1998 nel derby di andata contro l’Inter, valido per i quarti di finale di Coppa Italia 1997-1998 e che si chiude con lo storico punteggio di
5-0 per il Milan. Chiude l’esperienza milanista con un bilancio totale di 144 presenze e 34 gol.

Dopo essere stato inattivo dal giugno 1998 al gennaio 1999, gioca per cinque mesi nella Stella Rossa, dove aveva iniziato la carriera.Con la squadra di Belgrado gioca 3 partite, prima di disputare le sue ultime due stagioni (dal 1999 al 2001) nel Rapid Vienna, la sua ultima squadra prima del ritiro, avvenuto anche a causa di svariati problemi fisici


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *