Campionato mondiale di calcio 1930


Finale: Uruguay – Argentina 4 – 2
Il campionato mondiale di calcio 1930 è stata l’edizione inaugurale del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili. Ebbe luogo in Uruguay dal 13 al 30 luglio 1930 in celebrazione della costituzione promulgata un secolo esatto prima.
Tutte le partite si disputarono a Montevideo, capitale del Paese. La maggior parte di esse si tennero allo Stadio del Centenario, costruito appositamente per l’evento. Tredici squadre nazionali — sette dal Sudamerica, due dal Nordamerica e quattro dall’Europa presero parte al campionato. Le squadre furono suddivise in quattro gruppi, in ognuno dei quali la vincitrice si sarebbe qualificata direttamente alle semifinali. La finale, davanti ad un pubblico di 93000 spettatori fu vinta dall’Uruguay che batté 4-2 l’Argentina, che quindi nell’occasione detenne
sia il titolo mondiale che quello olimpico, quest’ultimo conquistato nel 1928 ad Amsterdam.


Campionato mondiale di calcio 1934


Finale: Italia – Cecoslovacchia 2 -1
Il campionato mondiale di calcio 1934 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1934 è stata la seconda edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili. Si disputò in Italia dal 27 maggio al 10 giugno 1934 e fu vinto dall’Italia, che in finale sconfisse per 2-1 la Cecoslovacchia dopo i tempi supplementari.

In un contesto sociopolitico in forte fermento nel mondo si organizzò in Italia il secondo campionato mondiale di calcio.
Il regime di Benito Mussolini voleva sfruttare l’evento in modo da dare maggior spessore internazionale all’immagine dell’Italia e creare un maggior senso di coesione nazionalista nel paese. Il regime supportò l’evento con sgravi fiscali per opere pubbliche, costruzione di nuovi stadi e potenziamento dei trasporti.

La semifinale vinta dall’Italia contro l’Austria per 1-0, grazie a un contestato gol di Guaita.(Il pronipote oggi gioca nel Potenza calcio – Lega PRO)

In finale contro la Cecoslovacchia vinta dall’ italia dopo che gli avversari si erano portati in vantaggio con Puč a un quarto d’ora dalla fine della partita, sei minuti dopo arrivò il pareggio con gol di Orsi, la vittoria nei tempi supplementari grazie a un gol di Schiavio.


Campionato mondiale di calcio 1938


Finale: Italia – Ungheria 4 – 2
La terza edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili o Coppa del Mondo Jules Rimet del 1938 (Coupe du monde de football de 1938) Si disputò dal 4 al 19 giugno 1938 in Francia e fu vinto dall’Italia. Le città che ospitarono gli incontri furono Antibes, Bordeaux, Le Havre, Lilla, Marsiglia, Parigi, Colombes, Reims, Strasburgo, Tolosa.


Campionato mondiale di calcio 1950


Finale: Brasile – Uruguay 1 – 2
Il campionato mondiale di calcio 1950 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1950 (Copa do Mundo de 1950) è stata la quarta edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si svolse in Brasile dal 24 giugno al 16 luglio 1950, dopo una lunga pausa di dodici anni dovuta alla Seconda guerra mondiale. Le città ospitanti furono Belo Horizonte, Curitiba, Porto Alegre, Recife, Rio de Janeiro e San Paolo.

La Germania Ovest e il Giappone, le due nazioni ritenute le maggiori responsabili della guerra, furono escluse in partenza, fece eccezione l’Italia che pur essendo stato paese aggressore, venne comunque invitata; era campione in carica e Ottorino Barassi, presidente della Federcalcio, non solo era vicepresidente della FIFA ma si era incaricato della custodia della Coppa Rimet durante gli anni burrascosi della guerra. Inizialmente gli azzurri tentennarono, poiché il paese era ancora in fase di ricostruzione dopo la fine del conflitto. Affinché i detentori accettassero l’invito, probabilmente fu decisiva l’offerta della FIFA, che aveva promesso di pagare alla delegazione azzurra tutte le spese necessarie per la trasferta; viaggio che avvenne in nave e non in aereo, a causa dello shock che aveva provocato appena
un anno prima la tragedia di Superga, l’incidente aereo che segnò la fine dell’epopea del Grande Torino.

Campionato mondiale di calcio 1954


Finale: Germania Ovest – Ungheria 3 – 2
Il campionato mondiale di calcio 1954 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1954 è stata la quinta edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si disputò in Svizzera dal 16 giugno al 4 luglio 1954. Le città ospitanti furono: Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lugano e Zurigo.

La manifestazione venne vinta sorprendentemente dalla squadra della Germania Ovest che batté in finale per 3-2 dopo una clamorosa rimonta la nazionale dell’Ungheria, formata da una serie di eccellenti giocatori e nettamente favorita alla vigilia. Il torneo ebbe la più elevata media di gol a partita nella storia dei mondiali di calcio: ben 5,38 (140 gol in 26 partite). Fu inoltre il primo trasmesso in televisione

Campionato mondiale di calcio 1958


Finale: Svezia – Brasile 2 – 4
Il campionato mondiale di calcio 1958 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1958 è stata la sesta edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si disputò in Svezia dall’8 al 29 giugno 1958 e fu vinto dal Brasile. Fu la prima edizione a cui l’Italia non riuscì a qualificarsi, la prima ad essere trasmessa in televisione in paesi anche non confinanti. Fu il mondiale della consacrazione di Edson Arantes do Nascimento, detto Pelé, numero 10 brasiliano. O Rei conquistò i primati di più giovane marcatore (contro il Galles) in un mondiale e più giovane campione del mondo della storia, a 17 anni.

Campionato mondiale di calcio 1962


Finale: Brasile – Cecoslovacchia 3 – 1
Il campionato mondiale di calcio 1962 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1962 è stata la settima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si è disputata in Cile dal 30 maggio al 17 giugno 1962. Le città ospitanti furono Arica, Rancagua, Santiago del Cile, Viña del Mar. Il Brasile emerse vincitore del mondiale, bissando il successo dell’edizione precedente in Svezia e raggiungendo l’Italia e l’Uruguay a due Coppe del mondo vinte. Fu il primo ed unico campionato del mondo ad utilizzare il quoziente-reti in caso di parità.

Campionato mondiale di calcio 1966


Finale Inghilterra – Germania Ovest 4 – 2
Il campionato mondiale di calcio 1966 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1966 è stata l’ottava edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si svolse in Inghilterra dall’11 al 30 luglio 1966, con l’affermazione dei padroni di casa, vittoriosi in finale sulla Germania Ovest al termine dei tempi supplementari. Questa è stata la prima edizione ad inserire la mascotte ufficiale del campionato.

Campionato mondiale di calcio 1970


Finale: Brasile – Italia 4 – 1
Il campionato mondiale di calcio 1970 o Coppa del mondo Jules Rimet del 1970 (noto anche come Mexico ’70) è stata la nona edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si tenne in Messico dal 31 maggio al 21 giugno 1970 e fu l’ultima edizione del campionato del mondo a chiamarsi “Coppa del mondo Jules Rimet”. Infatti fu vinta dal Brasile che, battendo in finale l’Italia, se la aggiudicò definitivamente, avendola vinta per 3 volte. Dall’edizione successiva (1974) il campionato del mondo prese il nome di “Coppa del mondo FIFA”. Fu anche la prima edizione del campionato mondiale ad essere trasmessa dalla televisione a colori, grazie alla diffusione del satellite: 50 Stati poterono seguire l’evento.

Inoltre, per la prima volta, l’arbitro formalizzò le sanzioni disciplinari a carico dei giocatori tramite i cartellini: il giallo per l’ammonizione e il rosso per l’espulsione. E l’Adidas Telstar divenne il primo pallone ufficiale dei Mondiali: era la classica palla con 12 pentagoni neri e 20 esagoni bianchi, al posto del classico pallone di cuoio scuro, fu scelto poiché il disegno e i colori ne facilitavano la visibilità nelle televisioni in bianco e nero. Fu, infine, il primo torneo mondiale in cui furono concesse due sostituzioni a partita: la prima squadra ad avvalersene fu l’Unione Sovietica nel match inaugurale.

Campionato mondiale di calcio 1974


Finale: Germania Ovest – Olanda (Paesi Bassi) 2-1
Il campionato mondiale di calcio 1974 o Coppa del Mondo FIFA del 1974, è stata la decima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Dopo la definitiva assegnazione della coppa “Jules Rimet” al Brasile al termine del campionato del mondo 1970, la competizione assunse infatti il nome di “Coppa del mondo FIFA” (ingl. FIFA World Cup, fr. Coupe du Monde FIFA).

Si tenne in Germania Ovest dal 13 giugno al 7 luglio 1974. Furono 9 le città i cui impianti ospitarono gli incontri del torneo: Amburgo, Berlino Ovest, Dortmund, Düsseldorf, Francoforte sul Meno, Gelsenkirchen, Hannover, Monaco di Baviera (sede anche della finale per il 1º posto) e Stoccarda.

Il titolo fu vinto dai padroni di casa della Germania Ovest che sconfissero per 2-1 dopo una combattuta e incerta finale i Paesi Bassi, fino a quel momento protagonista del torneo e artefice di un gioco brillante e offensivo che aveva favorevolmente impressionato per la sua novità ed efficacia gli osservatori e i critici sportivi. Al di là dell’aspetto prettamente sportivo, tale edizione della rassegna iridata è passata inoltre alla storia come la prima in cui, sulle divise dei giocatori, appaiono i loghi degli sponsor tecnici, rompendo quindi definitivamente il tabù della pubblicità anche sopra le maglie nazionali. Inoltre, sempre per la prima volta, ogni nazionale ebbe modo di stampare i numeri di gioco dei calciatori, oltre che sulla maglia, anche sopra i calzoncini.

Campionato mondiale di calcio 1978


Finale: Argentina – Olanda (Paesi Bassi) 3 – 1
Il campionato mondiale di calcio 1978 o Coppa del Mondo FIFA del 1978 (noto anche come Argentina ’78) è stata l’undicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Il torneo venne vinto dai padroni di casa dell’Argentina, i quali il 25 giugno 1978 sconfissero per 3-1 i Paesi Bassi dopo una drammatica partita, terminata ai tempi supplementari.

Il campionato del mondo fu caratterizzato da un buon livello tecnico generale, ma si svolse in un ambiente fortemente nazionalistico e in un’atmosfera cupa e tesa a causa della situazione politico-sociale presente in Argentina dopo l’instaurazione nel 1976 di un oppressivo regime militare. La giunta al potere diresse direttamente l’organizzazione della manifestazione, sfruttò propagandisticamente i mondiali di calcio per rafforzare la propria autorità e per dare una dimostrazione di efficienza. La vittoria dell’Argentina, non priva di polemiche e contestazioni, esaltò il nazionalismo della popolazione e diede prestigio indirettamente anche al regime militare.

Campionato mondiale di calcio 1982


Finale: Italia – Germania Ovest 3 – 1
Il campionato mondiale di calcio 1982 o Coppa del Mondo FIFA del 1982 (noto anche come Spagna ’82) è stata la dodicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.
Si svolse in Spagna dal 13 giugno all’11 luglio 1982. Fu il primo campionato mondiale in cui le squadre partecipanti furono portate da 16 a 24. Inoltre è tuttora il mondiale ospitato da un’unica nazione che ha visto impiegato il maggior numero di stadi: diciassette. La squadra vincitrice fu l’Italia, che sconfisse 3-1 la Germania Ovest in finale.

Campionato mondiale di calcio 1986


Finale: Argentina – Germania Ovest 3 – 2
Il campionato mondiale di calcio 1986 o Coppa del Mondo FIFA del 1986 (noto anche come Messico ’86) è stata la tredicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si svolse in Messico dal 31 maggio al 29 giugno 1986. Il torneo fu vinto dall’Argentina, che si laureò campione del mondo per la seconda volta Il Messico divenne il primo Paese a ospitare due edizioni della manifestazione quando nel 1983 prese il posto della Colombia, nazione che aveva acquisito il diritto di ospitare il torneo, ma che dovette rinunciare quell’anno a causa di problemi interni al governo.

Furono 24 le nazionali partecipanti come nel torneo del 1982, mentre il pallone ufficiale fu l’Adidas Azteca Mexico, il primo fatto con materiali in parte sintetici. Fu inoltre il Mondiale che inaugurò il fenomeno dell’ola, movimento sugli spalti causato dal pubblico.

Campionato mondiale di calcio 1990


Finale: Germania – Argentina 1 – 0
Il campionato mondiale di calcio 1990 o Coppa del Mondo FIFA del 1990 (noto anche come Italia ’90) è stata la quattordicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si svolse in Italia dall’8 giugno all’8 luglio 1990 e si concluse con la vittoria della Germania Ovest che batté in finale l’Argentina per 1-0. Tra i campionati mondiali a 24 squadre (compresi, quindi, il precedente e il successivo) questo ha fatto registrare la più bassa media-gol: 115 gol in 52 incontri, per una media di 2,21 a partita. Tale media risulta anche la più bassa fra tutte le edizioni del campionato del mondo disputate fino al 2018.

Campionato mondiale di calcio 1994


Finale: Brasile – Italia 3 – 2 (Dopo i calci di rigore)
Il campionato mondiale di calcio 1994 o Coppa del Mondo FIFA del 1994 (noto anche come USA ’94) è stata la quindicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili.

Si svolse negli Stati Uniti d’America dal 17 giugno al 17 luglio 1994 e fu vinto dal Brasile, dopo aver sconfitto l’Italia in finale ai rigori per 3-2. Il Brasile vinse il suo quarto mondiale di calcio e fu la prima nazionale a raggiungere questo storico traguardo. Per la prima volta nella storia il titolo mondiale veniva assegnato dopo i tiri di rigore, dopo che i tempi regolamentari e supplementari della finale si erano conclusi col risultato di parità (0-0). L’inno ufficiale del torneo era Gloryland di Daryl Hall. Fu il primo Mondiale di calcio della storia in cui vennero assegnati i 3 punti per la vittoria durante la fase a gironi.

Campionato mondiale di calcio 1998


Finale: Francia – Brasile 3 -0
Il campionato mondiale di calcio 1998 o Coppa del Mondo FIFA del 1998 (noto anche come Francia ’98) è stata la sedicesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili svoltasi in Francia dal 10 giugno al 12 luglio 1998. Fu vinto dalla nazione ospitante, che divenne così la sesta compagine a vincere il torneo in casa, dopo l’Uruguay nel 1930, l’Italia nel 1934, l’Inghilterra nel 1966, la Germania Ovest nel 1974 e l’Argentina nel 1978.

L’edizione presentò più novità: l’allargamento a 32 squadre, l’introduzione del golden goal, l’espulsione per il fallo da tergo, la possibilità di effettuare 3 sostituzioni, i pannelli luminosi per indicare i minuti di recupero.

L’inno e la canzone ufficiali dell’evento sono stati rispettivamente La Cour des Grands di Youssou N’Dour ed Axelle Red e La copa de la vida di Ricky Martin. Il motto del torneo era È bello un mondo che gioca (C’est beau un monde qui joue).

Campionato mondiale di calcio 2002


Finale: Brasile – Germania 2 – 0
Il campionato mondiale di calcio 2002 o Coppa del Mondo FIFA del 2002 (nome ufficiale: 2002 FIFA World Cup Korea/Japan, noto anche come Corea del Sud-Giappone 2002) è stata la diciassettesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili e si è svolta in Corea del Sud e in Giappone dal 31 maggio al 30 giugno.

Fu vinto dal Brasile, che partecipò alla terza finale consecutiva dopo il 1994 e 1998, eguagliando il record della finalista sconfitta (1982, 1986 e 1990). Per i brasiliani si trattò del loro quinto mondiale.

È stato il primo mondiale che ha visto 23 giocatori convocati per squadra invece dei 22 precedentemente concessi, nonché l’ultimo in cui è stata adottata la regola del golden goal, come anche l’ultimo in cui è stata concessa la qualificazione automatica alla nazionale campione del mondo in carica: la Francia vincitrice in casa nel 1998, che viene in questa edizione eliminata alla fase ai gironi senza segnare alcun gol. È stata inoltre l’ultima edizione in cui la gara inaugurale veniva giocata dalla squadra detentrice del torneo, poiché, a partire dal successivo mondiale in Germania nel 2006, la prima partita sarebbe stata disputata dalla selezione del Paese ospitante.

Campionato mondiale di calcio 2006


Finale: Italia – Francia 5 -3 (Dopo i calci di rigore)
Il campionato mondiale di calcio 2006 o Coppa del Mondo FIFA del 2006, noto anche come Germania 2006, è stata la diciottesima edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili, e la fase finale si disputò dal 9 giugno al 9 luglio 2006 in Germania. Il motto dell’evento era Il mondo a casa di amici (Die Welt zu Gast bei Freunden).

Il Brasile, la nazionale campione in carica, fu eliminato ai quarti di finale in seguito alla sconfitta per 1-0 contro la Francia, poi finalista del torneo.

La Coppa del Mondo fu vinta dall’Italia, che nella finale giocata il 9 luglio allo stadio Olimpico di Berlino prevalse sulla Francia ai rigori per 5-3, dopo i tempi supplementari conclusi sull’1-1. Per gli Azzurri fu il quarto titolo mondiale della storia dopo quelli del 1934, 1938 e 1982. Per la seconda volta il titolo fu assegnato dopo i tiri di rigore (in precedenza era successo solo nel campionato mondiale di calcio 1994, quando la stessa Italia venne battuta dal Brasile per 3-2).

A partire da questa edizione, la gara inaugurale vede giocare la squadra del Paese ospitante e non più quella detentrice del trofeo, come accadeva fino a quattro anni prima.

Campionato mondiale di calcio 2010


Finale: Spagna – Olanda (Paesi Bassi) 1 – 0
Il campionato mondiale di calcio 2010 o Coppa del Mondo FIFA del 2010, noto anche come Sudafrica 2010, è stata la 19ª edizione di questo torneo per squadre nazionali maggiori maschili la cui fase finale si svolse in Sudafrica dall’11 giugno all’11 luglio 2010.

La squadra nazionale campione in carica, l’Italia, fu eliminata al primo turno dopo aver perso 3-2 contro la Slovacchia. Nelle prime due gare, gli azzurri avevano raccolto solo 2 punti contro il Paraguay e la Nuova Zelanda.

Per la prima volta la Spagna si aggiudicò il Mondiale, battendo per 1-0 i Paesi Bassi in finale dopo i tempi supplementari. Dopo aver perso la prima gara contro la Svizzera, la Spagna vinse tutte le sei gare seguenti subendo solo un gol nella terza gara del girone contro il Cile.

Campionato mondiale di calcio 2014


Finale: Germania – Argentina 1 – 0
Il campionato mondiale di calcio 2014 o Coppa del Mondo FIFA del 2014 (in portoghese Copa do Mundo FIFA de 2014, in inglese 2014 FIFA World Cup), noto anche come Brasile 2014, è stata la 20ª edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschili, svoltosi da giovedì 12 giugno a domenica 13 luglio 2014.

La squadra nazionale campione in carica, la Spagna, è stata eliminata al primo turno, dopo aver perso le partite giocate contro i Paesi Bassi (1-5) e contro il Cile (0-2) e aver vinto solo quella contro l’Australia (3-0).

La Germania, superando senza sconfitte le diverse fasi e battendo per 1-0 l’Argentina ai tempi supplementari della finale, ha conquistato il suo 4º titolo mondiale. È stata la prima volta che una squadra europea ha vinto un mondiale in America, e la seconda che una squadra europea ha alzato la coppa del mondo fuori dall’Europa (la Spagna è stata la prima nel 2010 in Sudafrica).

Campionato mondiale di calcio 2018


Finale: Francia – Croazia 4 – 2
Il campionato mondiale di calcio 2018 o Coppa del mondo FIFA 2018, noto anche come Russia 2018, è stata la 21ª edizione del campionato mondiale di calcio per squadre nazionali maggiori maschilila cui fase finale si è svolta in Russia. È iniziato giovedì 14 giugno e si è concluso domenica 15 luglio 2018.

Questa è stata la prima coppa del mondo che si è disputata nell’Europa orientale, e l’undicesima volta che si è svolta in Europa. Con un costo stimato di oltre 14,2 miliardi di dollari, è la Coppa del Mondo più costosa di sempre. È stata anche la prima coppa del mondo ad utilizzare il sistema VAR (Video Assistant Referee).

La squadra nazionale campione in carica, la Germania, è stata eliminata al primo turno, dopo aver perso le partite giocate contro il Messico (1-0) e contro la Corea del Sud (2-0) e aver vinto solo quella contro la Svezia (2-1). Per la quarta volta nelle ultime cinque edizioni, la squadra detentrice del trofeo non ha superato il girone eliminatorio.

Nell’atto conclusivo, il 15 luglio allo Stadio Lužniki di Mosca, si sono affrontate le nazionali di Francia e Croazia, quest’ultima alla sua prima finale di sempre: la sfida ha visto Les Bleus prevalere per 4-2 nei tempi regolamentari e conquistare così la coppa del mondo per la seconda volta nella loro storia a 20 anni esatti dal primo trionfo. Terzo posto per il Belgio, vincitore (2-0) della finalina con l’Inghilterra.